Home Blog Attualità Itri – Aumentano i giorni per i prelievi di sangue. Accordo tra...

Itri – Aumentano i giorni per i prelievi di sangue. Accordo tra ASL ed Amministrazione

Un importante risultato è stato conseguito dall'Amministrazione comunale di Itri e riguarda i prelievi del sangue nei locali di via Don Morosini, gestiti dalla Asl, che passano dalle attuali 2 alle 3 giornate settimanali

207
0
Un obiettivo fortemente voluto e raggiunto, per il quale il Sindaco Fargiorgio si è speso nelle sedi competenti, proprio al fine di garantire un servizio importantissimo specie per la parte più anziana della popolazione, che avrebbe maggiori problemi a recarsi nei centri specialistici dei comuni vicini.
A darne notizia l’assessore Di Biase: “A seguito dei colloqui susseguitisi nel corso delle passate settimane con il Direttore del Distretto ASL 5, Dott. Antonio Graziano, il quale ha, sin da subito, dimostrato la volontà dell’azienda sanitaria di accogliere le richieste dell’Amministrazione Comunale di Itri per la risoluzione della problematica relativa all’aumento delle giornate di apertura del “Punto prelievi” presso la struttura ASL di via Don Morosini, il Direttore Graziano, che ha fatto sue le richieste dell’Amministrazione del sindaco Fargiorgio, ha coinvolto tutto il suo staff, tra i quali il Dott. Antonio Fusco, il dott. Tonino Treglia e la dirigenza di Latina, riuscendo ad incrementare l’offerta attuale, passando da due a tre giorni per eseguire i prelievi di sangue ad Itri a partire dal prossimo 22 gennaio.
Questo – continua l’Assessore – nell’ottica dell’eccellente attività di collaborazione esistente tra l’Amministrazione Comunale ed il Distretto ASL.
Contemporaneamente, l’Amministrazione Comunale, attraverso propri incaricati, sempre in accordo con la Direzione del Distretto 5 della ASL, già dai prossimi giorni, la mattina, garantirà l’apertura anticipata dei locali della ASL in modo da ridurre i disagi degli utenti in attesa dell’inizio del servizio dei prelievi soprattutto per le persone anziane, che attualmente sono obbligati ad attendere all’esterno della struttura, con tutte le conseguenze derivanti dall’esposizione al freddo soprattutto nel periodo invernale”.