Gaeta, lavori in cantiere: sanzioni per 9.000€ – Proseguono con incisività i servizi del controllo del territorio posti in essere dalla Compagnia Carabinieri di Formia finalizzati alla prevenzione dei reati in genere, con particolare riferimento a quelli contro il patrimonio. A conclusione di mirate attività investigative da parte dei militari della Compagnia Carabinieri di Formia, sono stati raccolti e sottoposti al vaglio dell’Autorità Giudiziaria di Cassino una serie di elementi a carico di alcuni soggetti ritenuti autori di recenti reati. Nello specifico, i militari della Tenenza CC di Gaeta unitamente a quelli del N.I.L. di Latina e della Stazione CC Forestale di Gaeta hanno controllato due cantieri edili ivi esistenti con sede legale a Gaeta, di cui  l’amministratore unico è stato deferito in stato di libertà ai sensi degli artt. 18 e 37 D.LGS 81/2008, per aver impiegato personale senza la prescritta visita medica, mentre l’altro cantiere la cui responsabile è una donna di Fondi è stata sanzionata ai sensi dell’art.14 D.LGS. 81/2008 per aver impiegato nr.1 lavoratore a nero. Le attività di entrambe le ditte saranno sospese per illecito amministrativo, sono state altresì comminate sanzioni amministrative per complessivi euro 9.000.

ARTICOLO CORRELATOOperazione Ghost Shipyard: Le fiamme gialle sequestrano un cantiere navale: Nel corso di attività finalizzate al Controllo Economico del Territorio, si è conclusa con il sequestro di un cantiere navale una strutturata operazione di servizio dei Finanzieri del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Civitavecchia, eseguita per il contrasto agli illeciti perpetrati in danno del demanio pubblico marittimo e fluviale. Il servizio operato dai militari della Sezione Operativa Navale di Roma, ha permesso di scoprire un sito di circa 7.000 mq. realizzato su un’area golenale del fiume Tevere, sulla quale insistevano tre diverse imprese dedite ad attività correlate al settore della cantieristica navale, risultate poi tutte prive di qualsiasi titolo autorizzativo. Clicca qui per continuare a leggere l’articolo.