MAXI OPERAZIONE ANTIDROGA NEL SUD PONTINO

L' operazione ha permesso di sequestrare 877 gr. di cocaina, 4,2 kg. di hashish e 145 gr. di crack e una pistola

0
3030

Alle prime luci del mattino, a Minturno, Vairano Patenora (CE), Mantova, Teramo, Isernia, Roma e Napoli i militari della Compagnia di Formia, con l’ausilio di unità cinofile, hanno dato esecuzione a un’ordinanza emessa dal G.I.P. presso il Tribunale Ordinario di Roma nei confronti di 14 persone, tra cui una donna, ritenute facenti parte di una articolata e insidiosa organizzazione dedita al traffico di sostanze stupefacenti, radicata tra la Campania ed il Lazio. I provvedimenti restrittivi hanno riguardato 6 soggetti nei cui confronti è stata disposta la misura di custodia cautelare in carcere, 4 agli arresti domiciliari, 2 con l’obbligo di dimora e 2 con l’obbligo quotidiano di presentazione alla P.G. territorialmente competente. L’ordinanza cautelare è stata emessa dall’Organo giudicante, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Roma. Il gruppo criminale aveva base operativa nella frazione di Gianola e S. Janni di Formia e nella frazione di Scauri di Minturno ed è ritenuto, nell’ordinanza cautelare, responsabile di numerose attività illecite finalizzate al conseguimento del controllo diretto ed indiretto, nell’area d’influenza, del traffico di cocaina, hashish e crack proveniente dalla confinante Regione Campania. In tale cornice, le Fiamme Gialle pontine nel corso dell’indagine durata più di un anno hanno accertato che i vertici del sodalizio sono stati i mandanti di azioni di violenza per affermarsi sul territorio, eliminando la concorrenza, e per ottenere il recupero dei crediti vantati nei confronti dei vari pusher. Tale sodalizio è stato capace di gestire un complesso sistema economico illegale, attraverso cui acquisire ingenti ed ingiusti profitti illeciti, mediante i quali garantire la sopravvivenza e la prosperità dell’associazione. Il gruppo malavitoso indagato, è stato in grado di condurre, in brevissimo tempo e con notevole abilità delinquenziale, l’acquisto e la successiva rivendita sul mercato locale di ingenti quantitativi di droga. L’attività ha permesso di sequestrare 877 gr. di cocaina, 4,2 kg. di hashish e 145 gr. di crack e una pistola cal. 7,65. Al riguardo, i rifornimenti del sodalizio criminale nelle zone del Sud Pontino avvenivano mediamente due/tre volte a settimana e in talune circostanze, i confini di azione del gruppo delinquenziale venivano estesi anche fuori regione presso Vairano Patenora (CE) e la provincia di Isernia.

Il plauso del sindaco di Minturno, Gerardo Stefanelli

In merito all’operazione effettuata all’alba nel Sud Pontino dalla Compagnia di Formia della Guardia di Finanza, il Sindaco di Minturno Gerardo Stefanelli dichiara: «A nome dell’Amministrazione Comunale, intendo esprimere, come sempre avvenuto in passato, il più vivo apprezzamento per la brillante operazione compiuta, questa mattina, nei Comuni di Minturno e Formia, in base ad un’ordinanza emessa dal Gip presso il Tribunale di Roma, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia. Ringrazio la Guardia di Finanza per l’impegno profuso nel contrastare i fenomeni della criminalità organizzata e dello spaccio di stupefacenti nel comprensorio meridionale della provincia. Confido sempre nel gioco di squadra di uomini e donne, impegnati, a vari livelli, quotidianamente, nel rispetto della legge. Spero che i provvedimenti eseguiti stamane pongano fine a vicende che hanno segnato la comunità locale ed, in particolare, diverse famiglie della città. Sul piano personale, mi auguro che gli organi giudiziari, nel prosieguo delle attività mirate all’accertamento della reale consistenza degli addebiti, possano delineare con più precisione le singole posizioni e le relative responsabilità delle persone sottoposte oggi a misure cautelari».