Formia, Carta e Magliozzi: criticità del quartiere di Mola – I consiglieri comunali Alessandro Carta e Luca Magliozzi, in una nota stampa comunicano: “Questa mattina abbiamo protocollato un’interrogazione in merito alle criticità del borgo di Mola, quartiere storico e simbolo della città, che negli ultimi anni è diventato il cuore pulsante della “movida” formiana, con il costante aumento di attività di ristorazione e di somministrazione che attraggono un numero sempre maggiore di persone. Se da una parte, questa trasformazione dal punto di vista commerciale ha sicuramente portato dei benefici in termini economici, di occupazione e di socializzazione, dall’altro, appare evidente come tale situazione rischia di divenire insostenibile per le persone che vivono nel quartiere, se parimenti non vengono regolamentati gli spazi e gli usi degli stessi, non siano potenziati i servizi e non via sia una seria azione di controllo da parte delle autorità preposte per garantire sicurezza, decoro e vivibilità. Ad oggi, infatti, non esiste un quadro organico né una regolamentazione d’assieme di tutte le attività condotte, tant’è che l’occupazione di suolo pubblico viene concessa a richiesta e in via estemporanea, con conseguente riduzione dei posti di parcheggio.

Formia, Carta e Magliozzi: criticità del quartiere di Mola – Per quanto riguarda la viabilità, la zona a traffico limitato, istituita da molti anni, ancora oggi risulta non vigilata, consentendo a chiunque di percorrere liberamente le strade del quartiere e il sistema previsto (barriere a scomparsa), allo stato non attivo, appare decisamente non funzionale. Per il controllo degli accessi alla zona a traffico limitato, sarebbe molto più utile, anche per le finanze dell’Ente, l’istallazione di telecamere. Vi è inoltre un sostanziale deficit di servizi, a cominciare dallo smaltimento dei rifiuti solidi, spesso abbandonati lungo la strada, anche da cittadini residenti che non usano i mastelli in dotazione e un problema sempre maggiore in termini di sicurezza, tant’è che sarebbe necessario estendere il sistema di videosorveglianza attualmente in essere, a tutto il borgo di Mola. Le esigenze delle attività commerciali, da sostenere e tutelare, devono però conciliare con il sacrosanto diritto al riposo degli abitanti del quartiere e pertanto vanno rigorosamente rispettati gli standard dei rumori, dei volumi musicali, e più in generale delle condizioni ambientali (fumi, pulizia strade, illuminazione).

Formia, Carta e Magliozzi: criticità del quartiere di Mola Di questi problemi, ne abbiamo discusso con molti abitanti del quartiere, partecipando anche a due assemblee pubbliche, dove abbiamo raccolto testimonianze, sfoghi, pensieri e proposte da parte di chi vive tutti i giorni il quartiere. Per questi motivi, viste anche le numerose segnalazioni dell’Associazione IOAMOFORMIA e la recente petizione sottoscritta da molti cittadini, vogliamo capire quali azioni l’Amministrazione ha adottato per risolvere tali criticità e quali intende porre in essere. Inoltre, chiediamo al Sindaco di istituire al più presto un tavolo tecnico tra tutti gli attori coinvolti, amministratori, residenti, associazioni di quartiere, attività commerciali e comando di polizia locale, al fine di focalizzare le criticità e le urgenze alle quali poter dare risposta in tempi rapidi.”